Sintomi

Sintomi2018-10-29T10:20:48+00:00

lombareL’ernia del disco può provocare dolore a causa della compressione ed irritazione delle radici nervose che  fuoriescono a coppie dal canale vertebrale in corrispondenza di ogni singola vertebra, attraverso un forame di coniugazione. Le radici si prolungano formando i nervi, collegando così i centri nervosi alle varie parti del corpo. Il materiale erniario, tocca o comprime la radice, scatenando così il dolore: nei casi di compressione maggiore o per un periodo prolungato, si possono presentare alterazioni della sensibilità, (formicolio, anestesia, ecc.), un progressivo deficit di forza nei muscoli bersaglio della radice compressa.

Il dolore può essere causato anche dall’irritazione da parte dell’ernia di altre strutture nervose (come piccole terminazioni sensitive distribuite sulla faccia posteriore delle vertebre), o dalla compressione di vasi venosi e linfatici che congestionandosi e quindi aumentando di volume possono comprimere a loro volta le strutture nervose.

Tuttavia alcuni studi recenti considerano la possibilità che il dolore possa essere scatenato non solo dalla compressione dell’ernia sul nervo, ma anche dalla produzione, da parte dell’ernia stessa, di sostanze chimiche irritanti che infiammerebbero la radice nervosa.

Benchè l’ernia possa causare dolore alla schiena, radicolopatia, la degenerazione del disco può svilupparsi anche in totale assenza di sintomi. In diversi studi clinici la percentuale di ernie del disco riscontrate in pazienti asintomatici varia dal 50 al 76%.

I sintomi quando determinati dall’ernia tendono a regredire con un trattamento conservativo-riabilitativo nella maggior parte dei casi: numerosi studi di diagnostica per immagini hanno provato che le ernie, in un elevata percentuale, regrediscono del tutto o almeno in larga parte nei primi 3 mesi dall’insorgenza dei sintomi.

Indietro