Diagnosi

Diagnosi2018-10-29T10:22:55+00:00

lombareAnamnesi e valutazione generale

L’anamnesi e l’esame clinico del paziente con mal di schiena e/o dolore radicolare devono essere orientati a identificare la problematica, le cause, la topografia e la localizzazione dei sintomi (dolore lo cale o irradiato, formicolio, …), i meccanismi che scatenano i sintomi e quelli che li fanno regredire, le attività lavorative e sportive, le patologie pregresse.

Lo specialista dovrà inoltre evidenziare i casi in cui i sintomi possono dipendere da malattie sistemiche, infiammatorie, neoplastiche o infettive che coinvolgono il rachide.

I pazienti che presentano, oltre al dolore lombare irradiato o meno, i cosiddetti semafori rossi – o red flag /bandiere rosse (deficit neurologico esteso e/o progressivo; anamnesi positiva per tumore, calo ponderale non spiegabile, astenia protratta, febbre, dolore ingravescente continuo a riposo e notturno; traumi recenti, assunzione protratta di cortisonici, osteoporosi; quadro clinico della sindrome della cauda equina con anestesia a sella in regione perineale, ritenzione o incontinenza urinaria e/o fecale, ipostenia bilaterale degli arti inferiori) dovrebbero condurre lo specialista a consigliare un e iter diagnostico specialistico e studi di diagnostica per immagini per approfondire le problematiche.

Test di valutazione specifici

I test di valutazione specifica che ci permettono di evidenziare le caratteristiche della patologia e del paziente sono:

  • Test posturali
  • Test di movimento spontaneo e funzionale
  • Test di mobilizzazione neurale o di neurodinamica
  • Test neurologici

I risultati di tutti questi test devono essere correlati fra loro con l’anamnesi, la valutazione generale, per poter inquadrare la problematica e poter pianificare un programma riabilitativo che tenga conto delle caratteristiche del quadro clinico, degli obiettivi generali e specifici del paziente.

Indietro