Lussazione e instabilità di spalla

Lussazione e instabilità di spalla2018-10-30T07:23:13+00:00

spallaGrazie alla sua anatomia la spalla è l’articolazione più mobile, ma anche più instabile del nostro organismo: la testa dell’omero, sferica e piuttosto grande, articola con la cavità glenoide della scapola, piana e relativamente piccola; nonostante quest’ultima sia ingrandita da un labbro articolare di cartilagine fibrosa (il labbro glenoideo) il sottile equilibrio tra la funzione di movimento e l’instabilità articolare la rende particolarmente vulnerabile a fenomeni traumatici.

La stabilità gleno-omerale è garantita dal mantenimento della testa omerale nella fossa glenoidea durante i movimenti dell’arto superiore; si parla di instabilità gleno-omerale quando viene a mancare questa capacità e si verifica un’indesiderata traslazione della testa omerale nella glenoide, con conseguente compromissione della funzionalità articolare e spesso dolore.

E’ proprio il fattore dolore a differenziare una condizione clinica di ipermobilità/lassità dall’instabilità: nel primo caso il paziente non è presente alcuna sintomatologia, nel secondo all’aumentata lassità articolare si associa il dolore.

Indietro