F.A.Q.

F.A.Q.2018-10-29T13:19:11+00:00

ginocchioTALVOLTA IL MIO GINOCCHIO SI BLOCCA: HO IL MENISCO ROTTO?
Il blocco articolare è un segno clinico importante nella diagnosi di lesione meniscale. Se il “blocco” è in estensione (cioè il paziente non riesce a raddrizzare il ginocchio) può trattarsi di un problema meniscale, quando invece cioè non si riesce a flettere completamente l’articolazione è molto spesso un problema di origine rotulea.

IL GINOCCHIO FA DEI “RUMORI” STRANI,  “SCRICCHIOLA”… E’ IL MENISCO?
Molto spesso questi rumori non sono dolorosi e si evidenziano principalmente durante la flessione del ginocchio. Non sono dovuti a lesione meniscale ma sono di origine rotulea.

DOPO QUANTO TEMPO DOPO UN INTERVENTO ARTROSCOPICO SI PUO’ RITORNARE A FARE SPORT?
La ripresa dell’attività fisica dipende dal tipo di lesione e soprattutto dal tipo di intervento: meniscectomia o sutura meniscale. Sono inoltre indispensabili dei requisiti specifici che permettono al chirurgo di concedere il “via” all’atleta: buon supporto muscolare, ottimo controllo propriocettivo, corretta gestualità di base e specifica, adeguata condizione fisica generale, corretto approccio psicologico, il tutto dipendente anche dalla tipologia dello sport praticato e talvolta anche dalle motivazioni dell’atleta stesso.
Verosimilmente nel caso di meniscectomia la ripresa avviene attorno al 2° mese; nella sutura meniscale attorno al 4°/5° mese.

DOPO QUANTO TEMPO POSSO GUIDARE L’AUTO?
La guida dell’auto può essere ripresa dopo circa 10-15 gg. Nel caso di intervento di sutura meniscale, invece, la guida è concessa in tempi leggermente più lunghi (non prima di un mese). All’inizio è meglio fare percorsi brevi, solo in seguito più lunghi, fermandosi comunque spesso per muovere il ginocchio.

DOPO QUANTO TEMPO SI TOLGONO I PUNTI?
La rimozione dei punti di sutura avviene dopo i 12-15gg per i punti classici.

POSSO FARE LA DOCCIA DOPO L’INTERVENTO?
L’igiene personale è un aspetto importante per ridurre al minimo le potenzialità di infezione, ma le cicatrici devono essere protette dall’acqua fino alla rimozione dei punti di sutura. E’ sconsigliato, quindi, andare in piscina e fare il bagno.

POSSO PRENDERE IL SOLE SULLA CICATRICE?
E’ assolutamente necessario per i primi sei mesi post-operatori non esporre al sole  le zone cicatriziali dell’artroscopia, al fine di evitare la formazione di cicatrici cheloidi. E’ quindi importante coprirla con creme solari a protezione totale o, meglio ancora, con dei cerotti coprenti.

QUANDO CONSULTARE IL CHIRURGO?

  • Improvviso dolore con gonfiore pulsante e senso di tensione
  • Comparsa di febbre elevata (oltre i 38°)
  • Gonfiore del piede e caviglia con perdita di sensibilità
  • Forte dolore al polpaccio, anche al tatto, con rossore e calore cutaneo
  • Importante sanguinamento della ferita, considerare che una piccola quantità di sangue sulla garza è normale; non sospendere la fisiokinesiterapia, eventualmente comprimere la ferita con una fascia compressiva durante gli esercizi e avvertire comunque il fisioterapista dello studio.

Indietro