Esami radiologici e strumentali

Esami radiologici e strumentali2018-10-29T12:52:47+00:00

ginocchiomenischi_esamiIn caso di dubbio gli esami strumentali e di imaging possono rappresentare un valido aiuto diagnostico per confermare o meno la presenza di una patologia meniscale e valutare al meglio le altre strutture articolari. Gli esami vengono consigliati e prescritti dallo specialista.

L’esame radiografico (RX) è indispensabile se si è verificato un trauma e deve essere eseguito immediatamente per accertare la presenza di eventuali fratture dovute all’impatto osseo nel momento del trauma; può essere utile inoltre per evidenziare eventuali fratture o danni osteocondrale. In particolare sono utili le radiografie in carico per evidenziare un eventuale degenerazione artrosica del compartimento femore-tibiale.

menischi_esami_radiologiciE’ sicuramente la Risonanza Magnetica Nucleare (RMN) l’esame più affidabile per la diagnosi di rottura o lesione del menisco.

Mentre l’esame radiografico può essere eseguito in acuto (nelle primissime ore post-trauma) la risonanza magnetica (RMN) viene normalmente prescritta dallo specialista almeno dopo 2/3 settimane dal trauma per valutare le lesioni meniscali e/o cartilaginee: in questo modo il versamento articolare si sarà almeno parzialmente riassorbito (specie se è stato intrapreso un trattamento riabilitativo precoce) rendendo quindi l’immagine migliore e meno disturbata da artefatti, che ne potrebbero condizionare negativamente la lettura.

Nonostante la loro maggiore precisione e affidabilità, questi esami, non devono far passare in secondo piano e quindi sostituire l’esame clinico e funzionale, sia per la possibilità di falsi positivi o negativi, sia perché l’esame strumentale non dà alcuna informazione sulla funzionalità del ginocchio.

L’esame clinico, invece, deve essere condotto quanto prima dopo il trauma al fine di impostare tempestivamente un trattamento fisiochinesiterapico per la rieducazione dell’arto.

Indietro