Tecarterapia

Tecarterapia2018-10-30T08:00:47+00:00

TECARTERAPIAsfera_over-25sfera_under-25

TECARterapia (Trasferimento Energetico Capacitivo Resistivo) è una tecnica che stimola energia dall’interno dei tessuti biologici, attivando i naturali processi riparativi e antiinfiammatori.

L’idea di trasferire energia ai tessuti infortunati è comune a molte terapie, ma tutte somministrano energia proveniente dall’esterno, al contrario la tecarterapia stimola la generazione di energia endogena-interna stimolando così i pocessi riparativi dei tessuti .

studio_tecarterapia_triesteLa tecarterapia viene effettuata dal fisioterapista attraverso l’utilizzo di un manipolo, una crema specifica ed una piastra che viene applicata sul paziente. Molto spesso il trattamento con il manipolo viene associato a delle manovre di terapia manuale (massaggio ecc…), dei movimenti passivi effettuati dal fisioterapista o attivi del paziente.

Effetti della TECARterapia:

Risolve la componente algica e ha un effetto antinfiammatorio grazie all’azione specifica su:

-sistema emolinfatico;

-potenziale energetico cellulare;

-terminazioni nervose libere.

tecarterapia-triesteLe sedute di tecarterapia non seguono protocolli standard, in quanto la risposta dei tessuti è soggettiva e per questo in base a ciò che succede al tessuto durante la singola seduta viene pianificato il trattamento più adeguato.

E’ indicata per:

– patologie del tessuto muscolare:

  • strappi muscolari, stiramenti muscolari;
  • contratture muscolari;
  • contusioni muscolari;
  • ematomi muscolari;

– talloniti, speroni calcaneari, fascite plantare, epicondiliti, epitrocleiti, periostiti;

– patologie del tessuto tendineo e legamentoso:

  • tendiniti, tendinosi (tendine rotuleo, tendine d’Achille, tendine del sopraspinoso e della cuffia dei rotatori…),
  • legamentiti (legamento peroniero astragalico anteriore della caviglia, legamento mediale del ginocchio),
  • cisti tendinee;

– ematomi, versamenti…;

– cicatrici, cheloidi, cisti;

– borsiti: rotulee, della spalla, dell’anca

– patologie articolari degenerative ed infiammatorie:

  • artrosi
  • coxartrosi
  • gonartrosi
  • rizoartrosi
  • dita a scatto
  • metatarsalgie
  • spalla congelata – capsulite adesiva
  • tenosinovite

– patologie cartilaginee:

  • patologia femoro-rotulea
  • osteocondriti
  • condropatie

– patologie post-traumatiche:

  • distorsioni di caviglia
  • distorsione del ginocchio
  • lussazioni rotulee
  • lussazioni della spalla
  • lussazione acromion claveare
  • cuffia dei rotatori
  • edema osseo (piatto tibiale, condili femorali, testa dell’omero…)
  • Frattura omero
  • Frattura femore
  • Frattura tibia
  • Frattura perone
  • Frattura radio
  • Frattura ulna
  • Frattura scafoide
  • Altri tipi di fratture…

– trattamento post-intervento chirurgico:

  • Legamento Crociato Anteriore
  • Menisco mediale e laterale
  • Artroscopia
  • protesi d’anca, ginocchio
  • caviglia (fratture tibia perone trattate con mezzi di sintesi)
  • avambraccio (frattura radio – ulna trattate con mezzi di sintesi)…

– sindromi:

  • sindrome del piriforme;
  • sindrome della bandelletta ileo-tibiale
  • sindrome di Osgood Schlatter
  • sindrome di Sever
  • sindrome dello stretto toracico
  • sindrome del tunnel carpale
  • sindrome del tunnel tarsale
  • sindrome di Morton

– patologie della colonna vertebrale:

  • lombalgia acuta, lombalgia cronica
  • dorsalgie
  • cervicalgie, cervicalgia mio-tensiva, colpo di frusta..
  • ernia del disco e protrusioni discali
  • lombo-sciatalgia, lombo-cruralgia
  • cervico-brachialgia

– algoneurodistrofia.

Indietro