Tecarterapia

Tecarterapia2020-04-02T15:19:59+00:00

sfera_over-25sfera_under-25

La TECARterapia (Trasferimento Energetico Capacitivo Resistivo) è una tecnica che stimola energia dall’interno dei tessuti biologici, attivando i naturali processi riparativi e antiinfiammatori.

L’idea di trasferire energia ai tessuti infortunati è comune a molte terapie, ma tutte somministrano energia proveniente dall’esterno, al contrario la tecarterapia stimola la generazione di energia endogena-interna stimolando così i processi riparativi dei tessuti .

La tecarterapia viene effettuata dal fisioterapista attraverso l’utilizzo di un manipolo, una crema specifica ed una piastra che viene applicata sul paziente. Molto spesso il trattamento con il manipolo viene associato a delle manovre di terapia manuale (massaggio ecc…), dei movimenti passivi effettuati dal fisioterapista o attivi del paziente.

Effetti della TECARterapia:

Risolve la componente algica e ha un effetto antinfiammatorio grazie all’azione specifica su:

-sistema emolinfatico;

-potenziale energetico cellulare;

-terminazioni nervose libere.

Le sedute di tecarterapia non seguono protocolli standard, in quanto la risposta dei tessuti è soggettiva e per questo in base a ciò che succede al tessuto durante la singola seduta viene pianificato il trattamento più adeguato.

È indicata per:

– patologie del tessuto muscolare:

  • strappi muscolari, stiramenti muscolari;
  • contratture muscolari;
  • contusioni muscolari;
  • ematomi muscolari;

– talloniti, speroni calcaneari, fascite plantare, epicondiliti, epitrocleiti, periostiti;

– patologie del tessuto tendineo e legamentoso:

  • tendiniti, tendinosi (tendine rotuleo, tendine d’Achille, tendine del sopraspinoso e della cuffia dei rotatori…),
  • legamentiti (legamento peroniero astragalico anteriore della caviglia, legamento mediale del ginocchio),
  • cisti tendinee;

– ematomi, versamenti…;

– cicatrici, cheloidi, cisti;

– borsiti: rotulee, della spalla, dell’anca

– patologie articolari degenerative ed infiammatorie:

  • artrosi
  • coxartrosi
  • gonartrosi
  • rizoartrosi
  • dita a scatto
  • metatarsalgie
  • spalla congelata – capsulite adesiva
  • tenosinovite

– patologie cartilaginee:

  • patologia femoro-rotulea
  • osteocondriti
  • condropatie

– patologie post-traumatiche:

  • distorsioni di caviglia
  • distorsione del ginocchio
  • lussazioni rotulee
  • lussazioni della spalla
  • lussazione acromion claveare
  • cuffia dei rotatori
  • edema osseo (piatto tibiale, condili femorali, testa dell’omero…)
  • Frattura omero
  • Frattura femore
  • Frattura tibia
  • Frattura perone
  • Frattura radio
  • Frattura ulna
  • Frattura scafoide
  • Altri tipi di fratture…

– trattamento post-intervento chirurgico:

  • Legamento Crociato Anteriore
  • Menisco mediale e laterale
  • Artroscopia
  • protesi d’anca, ginocchio
  • caviglia (fratture tibia perone trattate con mezzi di sintesi)
  • avambraccio (frattura radio – ulna trattate con mezzi di sintesi)…

– sindromi:

  • sindrome del piriforme;
  • sindrome della bandelletta ileo-tibiale
  • sindrome di Osgood Schlatter
  • sindrome di Sever
  • sindrome dello stretto toracico
  • sindrome del tunnel carpale
  • sindrome del tunnel tarsale
  • sindrome di Morton

– patologie della colonna vertebrale:

  • lombalgia acuta, lombalgia cronica
  • dorsalgie
  • cervicalgie, cervicalgia mio-tensiva, colpo di frusta..
  • ernia del disco e protrusioni discali
  • lombo-sciatalgia, lombo-cruralgia
  • cervico-brachialgia

– algoneurodistrofia

Indietro